_mg_6107bnr_rid

 

MMXIX

The meaning of all this…

g.f.

_mg_6103bnr_rid

 

MMXIX

Without words.

g.f.

_mg_6093bni_rid

 

MMXIX

New awareness embraces me.

g.f.

_mg_6096bnb1_rid
 
A porte chiuse.
Opera teatrale di Jean-Paul Sartre
 
Il dramma inizia con il Valletto che introduce in una stanza un uomo chiamato Garcin. La stanza non ha né finestre né specchi e si capisce presto che è un luogo dell’inferno.
Garcin viene raggiunto da due donne, Inès ed Estelle. Tutti si aspettano di essere torturati, ma nessun altro entra nella stanza. Pian piano i personaggi comprendono di essere lì per torturarsi a vicenda, cosa che, nonostante ne siano consapevoli, fanno, gli uni tormentando gli altri con domande e commenti sulla loro vita precedente, sui delitti, miserie, desideri e passioni.
I personaggi sono in grado di vedere ciò che accade sulla Terra, nella misura in cui ciò riguarda ancora loro, ma a mano a mano la connessione si fa più labile e le visioni scompaiono, lasciandoli da soli con loro stessi e gli altri due. Verso la fine del dramma Garcin scopre che la porta è sempre rimasta aperta ma né lui né Inès né Estelle sono ormai in grado di lasciare la stanza, imprigionati nella rete di rapporti che hanno creato.

Fonte: Wikipedia

 

_mg_6090bnr_rid

:oops:   :mrgreen:   :lol:

Con l’accettazione da parte della comunità scientifica della teoria della relatività è stato demolito il concetto di spazio e di tempo assoluti e separati l’uno dall’altro, mentre ha preso il suo posto il concetto di spaziotempo, nel quale non c’è un sistema di riferimento privilegiato e per ogni evento le coordinate spaziali e temporali sono legate tra di loro in funzione dello spostamento relativo dell’osservatore. Con l’assenza di un tempo assoluto, anche il concetto di contemporaneità è stato modificato dall’avvento della relatività: si può definire al suo posto l’altrove assoluto, cioè l’insieme degli eventi che non appartengono né al futuro né al passato, al di fuori cioè del cono di luce.

Fonte: Wikipedia

_mg_6104bni_rid1

 

MMXIX

Aveva compiuto un lunghissimo viaggio

e non conosceva il mare.

Si soffermò estasiato ad ammirarlo, quasi con timidezza e reverenza.

Poi mi chiamò a sé ed io, felice, andai.

g.f.

_mg_5810bnb_rid1

 

MMXIX

Without words.

La gioia di fotografare solo per me stesso.

Un semplice privilegio in una vita di merda.

g.f.

_mg_7654bn1_rid

 

MMXIX

GIORNI TRISTI

Da quando tu non sei più vicino a me
ho vissuto giorni tristi senza te.
 
Il mondo ormai no, non è più nulla
se tu mai, mai tornerai vicino a me.
 
Giorni tristi senza amore,
vivo così, anche se penso
ai momenti che tu eri qui vicino a me.
 
Da quando tu non sei più accanto a me
ho vissuto giorni tristi senza te.
 
Giorni tristi senza sole, sono per me, 
ora pensando a quei giorni
che lei era qui vicino a te.
 
Da quando tu non sei più accanto a me
ho vissuto giorni tristi senza te

 NOMADI

_mg_3852bn_rid

 

MMXIX

La tragedia della vita è ciò che muore dentro ogni uomo col passar dei giorni.

Albert Einstein